Un blog sulle bibite gassate, dalle più comuni alle più introvabili.

 
 


 
Da non perdere
 

 
0
Pubblicato da Stefano De Val il 8 luglio 2014 in Blog
 
 

Afri-Cola: meritevole di importazione

Doveva esserci.

2014-05-31 12.37.19

Afri-Cola (e mocassino)

Festeggerò i miei primi 6 mesi di vita da Ausländer in Germania tra pochissimi giorni. Chi di voi ha avuto la fortuna di seguire il Bibitaro.it sin dai suoi primi articoli – o chi ha fatto lo sforzo di andare a leggere indietro – sa quanta fatica ha fatto il sottoscritto.

Perché se è vero che scrivere qualche riga su una bibita scandalosa sia forse più facile e sicuramente divertente, il mio ruolo in quanto esponente estero non è solo quello di infilare il naso dentro qualche scaffale chissà dove nel mondo per cercare altri 33 cl di sofferenza, ma soprattutto quello di portare avanti una ricerca che fino ad oggi ha avuto esiti mortificanti: Trovare una bibita che valesse la pena volere in Italia.

31 maggio 2014, 12:37.19

Lo scaffale che stavo perlustrando non sembrava essere molto promettente. Ero circondato da Schwip Schwap cola+orange e light da 2 litri e mi sentivo un po’ come a ravanare tra le ceste di videogiochi a 2 euro.

La giornata ha cambiato verso grazie al packaging di questa – a me sconosciuta – bibita al gusto di cola prodotta da Mineralbrunnen Überkingen-Teinach AG (eh). Lo vedete benissimo anche voi dalla foto: la bottiglia trasparente dedicata da 1 litro – unico formato in cui è venduta la bibita – è accompagnata da una etichetta minimalista nero opaco, che le dona eleganza e anche un certo tono.

Si presenta come una bibita impegnativa.

Ed è molto piacevole.

La premio perché oltre a risultare una bibita dal gusto equilibrato e non troppo zuccherata (che in Germania non è affatto cosa scontata), è personalmente stata in grado di reggere un confronto diretto con i big delle cole. Quello che ho apprezzato di più è stato sicuramente la capacità di fornire al mercato un equilibrio un po’ diverso da quello che ci aspettiamo, un pochino più sbilanciato verso dei toni più amari, come quelli del chinotto e del guaranà, senza però perdere di vista il fatto di voler essere una bibita piacevole e rinfrescante al gusto di cola.

Non saprei meglio come descrivervela, posso solo consigliare a chi ne avesse la possibilità di assaggiarla e saperci dire. La Afri-Cola non meriterebbe solo di essere venduta anche in Italia, ma soprattutto di essere sottoposta al team del Bibitaro per una recensione completa.

Sicuro che poi la provano e gli fa cagare.


Stefano De Val

 


Loading Facebook Comments ...

0 Comments



Be the first to comment!


You must log in to post a comment